Categorie
Scienze

Il cern si avvicina alla scoperta della particella di Dio

Due studi separati del laboratorio di Ginevra scoprono tracce del bosone di Higgs, particella la cui esistenza fu teorizzata 40 anni fa per spiegare la ragione del peso degli atomi, che compongono tutti gli oggetti esistenti. L’esistenza del bosone di Higgs finora era stata semplicemente teorizzata dal fisico inglese PeterHiggs, ormai più di quarant’anni fa, per spiegare la ragione per cui gli atomi hanno peso. Con oggi,e con l’ annuncio fatto da Fabiola Gianotti, italiana membro di un team del Cern, quella che era solo un’ ipotesi sembra però acquistare concretezza. Con i nuovi dati raccolti dai laboratori di Ginevra, si restringe il campo per la ricerca del bosone di Higgs, la cosiddetta “particella di Dio”.

La scoperta potrebbe essere vicina, dato che due team impegnati al Cern hanno confermato che i loro studi, realizzati in collaborazione con il Cern e con l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, hanno rilevato tracce fisiche del bosone. Ad accendere l’entusiasmo è soprattutto il fatto che i due esperimenti siano arrivati a indicare valori molto vicini in modo assolutamente indipendente, ossia l’uno senza conoscere i risultati dell’altro, seguendo strade diverse e con strumenti diversi. Nei prossimi mesi i risultati dei due test verranno incrociati, in modo che, questa la speranza degli studiosi, entro marzo 2012 si possa arrivare a ottenere dati più sostanziali.

(Carlo Cordoni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...