Categorie
Arte e cultura Informazione Musica e concerti Scuola

Alle radici della Cappella Musicale

Riportiamo un interessante articolo sull’origine del termine Cappella e la nascita della nostra istituzione, la più antica culturale di Milano, pubblicato sul sito del Duomo (duomomilano.it).

 

Nella cappa di san Martino le radici della Cappella Musicale

La tradizione del canto liturgico: come nasce la più antica istituzione culturale di Milano

La Cappella Musicale del Duomo di Milano, l’organismo culturale più antico della città, fu fondata nel 1402, quando la Veneranda Fabbrica, a cui da secoli ne è affidata la gestione, stabilì l’assunzione del musico Matteo da Perugia, sia per dirigere i «divini offici» insieme ai chierici e al Capitolo, che per insegnare musica ai fanciulli.

Ma come mai si chiama Cappella? Il termine deriva dalla «cappa» o mantello di san Martino, vescovo di Tours, custodita all’interno della chiesa dei re Merovingi , detta appunto «cappella». Alla cura della cappa del santo erano posti i cappellani ecclesiastici, cui competeva anche il canto liturgico, non accompagnato da strumenti e quindi detto «a cappella».

Il canto liturgico ha però le sue differenze: si parla di  «coro» quando ci riferiamo al complesso di voci dei fedeli istruiti allo scopo, spesso posti ai lati dell’altare, con una disposizione che prevede a destra gli uomini e a sinistra le donne ed i fanciulli. Con il termine «schola cantorum», per lo più di estrazione parrocchiale, si indica generalmente un gruppo composto da voci virili e da fanciulli, con un più ampio repertorio di canti diretti da un maestro.

Più articolate e complesse sono le caratteristiche che configurano una cappella musicale.
Infatti, ad essa si richiede un’antica fondazione, legata ad una cattedrale, a una basilica o a un santuario. La necessaria continuità di attività e tradizione deve aver dato luogo ad un patrimonio musicale di grande valore artistico. Per motivi storici e funzionali, i bassi, i tenori e i contralti sono affidati a musici professionisti, mentre le voci acute, chiamate «bianche», sono quelle del canto dei fanciulli, organizzati e istruiti in una scuola.

Il prezioso patrimonio religioso e culturale prodotto e mantenuto vivo dalla Cappella Musicale del Duomo, la sua storia e la sua evoluzione, sono alla portata di chiunque varchi la soglia della Cattedrale per ascoltare e conoscere questa realtà custodita dal simbolo di Milano: la sua voce, il suo canto, la sua musica.

Una risposta su “Alle radici della Cappella Musicale”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...