Categorie
Arte e cultura Informazione

Proposta shock sul Taj Mahal

travel-famous_3Il Taj Mahal non è solo un monumento di straordinaria bellezza per le sue forme e il suo aspetto, ma anche per la storia che sta dietro la sua costruzione. Situato ad Agra, nell’India settentrionale (stato di Uttar Pradesh), è un mausoleo fatto costruire nel 1632 dall’imperatore Shah Jahan in memoria della moglie preferita Arjumand Banu Begum. È quindi, detto poeticamente, un monumento all’amore, un amore fortissimo che si può ammirare ancora nel Taj Mahal. Una volta visto, questa costruzione non ci lascia più… letteralmente, perché grazie a un effetto ottico dovuto all’ingresso del complesso, la porta che conduce alla zona davanti alla facciata, il Taj Mahal sembra avvicinarsi sempre più, facendosi sempre più grande.

Il celebre monumento del Taj Mahal «deve essere raso al suolo!», questa la proposta shock arrivata da un ministro dell’Uttar Pradesh, nell’India settentrionale, aggiungendo che l’imperatore Mughal Shah Jahan «non aveva alcun diritto di spendere così tanti soldi per la sua amante».

«Il ministro è matto e dovrebbe essere rinchiuso in un manicomio ad Agra» ha replicato Surendra Sharma, presidente di un’organizzazione per la tutela dei monumenti. Beh, certamente il Taj Mahal deve essere costato molto, ma la vera ragione del ministro Pradesh era politica (attaccare un avversario politico che aveva disseminato di monumenti l’India). Per conto nostro, forse possiamo dire che l’imperatore Jahan ha fatto bene a spendere cos’ tanti soldi per un monumento all’amore eterno.

Purtroppo non è una delle prime volte che si vuole distruggere il Taj Mahal, entrato a far parte delle sette meraviglie del mondo nel 2007: il Taj Mahal, infatti, rischiò di andare in rovina dopo la caduta degli imperatori a tal punto che il governatore britannico Lord Bentinck (1828-35) avrebbe voluto raderlo al suolo. Ma desistette e uno dei suoi successori, Lord Curzon, lo fece restaurare.

2 risposte su “Proposta shock sul Taj Mahal”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...